Come ricevere il decoder a casa gratis? 

Come ricevere il decoder a casa gratis

Come ricevere il decoder a casa gratis?

È stato rifinanziato il Bonus tv dalla Legge di Bilancio 2022, con dei fondi stanziati per 68 milioni di euro, che serviranno per il passaggio delle nuove modalità del segnale televisivo, quando i canali potranno essere visualizzati solo in HD o tramite decoder, a partire da gennaio del 2023.
Per semplificare il cambiamento tecnologico, il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo a disposizione due incentivi:
  • Il bonus TV: che consiste in uno sconto fino a 30 euro sull’acquisto di TV e decoder idonei ai nuovi standard DVBT-2;
  • Il bonus rottamazione TV: che consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto per una spesa massima di 100 euro. E si può usufruire di questo bonus, solo se viene rottamato un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018.

Comunicato stampa di Poste Italiane

In un comunicato stampa di Poste Italiane su TgPoste, l’Azienda afferma:
“Chi vorrà sfruttare questa opportunità potrà concordare con l’azienda un appuntamento telefonico o tramite l’ufficio postale o tramite una piattaforma dedicata per fissare un giorno nel quale il portalettere consegnerà il decoder a casa. Inoltre, i cittadini che aderiranno alla misura riceveranno da Poste Italiane assistenza telefonica per installare il nuovo apparecchio”.
Per poter ricevere il decoder direttamente presso la propria abitazione, bisogna possedere determinati requisiti, come l’età del contribuente, infatti la consegna gratis spetta ai cittadini con più di 70 anni, ed è necessario
avere redditi da pensione che non superino i 20.000 euro l’anno. Il tipo di decoder che verrà consegnato, specifica Poste Italiane, avrà un valore che non supererà i 30 euro. Inoltre, il tecnico, oltre a consegnare direttamente a domicilio l’apparecchio, che eviterà quindi l’acquisto diretto da parte del contribuente over 70, si occuperà anche dell’installazione del decoder, che sarà sicuramente una grande agevolazione, per tutti coloro che riscontrano delle difficoltà, soprattutto i più anziani, con le nuove tecnologie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*