Consegna del decoder da Poste Italiane ai pensionati

DECODER POSTE ITALIANE PENSIONATI

Consegna del decoder da Poste Italiane ai pensionati

In previsione del maxi emendamento della Legge di Bilancio, che proprio da pochi giorni è stato presentato in Senato dal Governo. Poste Italiane consegnerà un decoder dal valore non superiore ai 30 euro, a tutti i pensionati che hanno superato i 70 anni d’età. Sono stati stanziati ben 68 milioni di euro per il rinnovo di questi fondi. c serviranno per il passaggio delle nuove modalità del segnale televisivo, quando i canali potranno essere visualizzati solo in HD o tramite decoder, a partire da gennaio del 2023.
Poste Italiane, invierà a tutti coloro che potranno ricevere questa agevolazione, una lettera che spiegherà come richiedere e ricevere il decoder a domicilio.
Tutti coloro che desiderano usufruire di questa opportunità, potranno contattare l’Azienda per prendere un appuntamento telefonico sia con l’ufficio postale, oppure attraverso  una piattaforma adatta per poter concordare un determinato giorno nel quale il portalettere consegnerà il decoder presso la propria abitazione.

Consegna del decoder

Inoltre, tutti i cittadini che aderiranno a questa  misura, avranno la possibilità di ricevere da Poste Italiane anche l’assistenza telefonica per poter  installare il nuovo apparecchio. Quindi Poste Italiane, che non è la prima volta che affianca il governo in diverse operazioni che si occupano di sostenere le fasce di popolazione che sono più deboli, bisognose e in difficoltà economica, proprio come la consegna a domicilio delle pensioni, ha fatto un accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico.
Infatti ha messo a disposizione l’efficienza della sua rete, che è composta di almeno 13.000 uffici postali e oltre 30.000 portalettere, per riuscire a  supportare e aiutare il Paese in questa nuova transizione tecnologica, che soprattutto per le persone più anziane, risulta difficoltosa e spesso poco comprensibile, e proprio per questo motivo, sta cercando di contribuire a superare il divario digitale che si è venuto a creare tra le differenti generazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*